Home / Carmen / Lo Spettacolo
Lo Spettacolo

OPERA DOMANI
XXII EDIZIONE

Il progetto che porta l’opera lirica e i suoi linguaggi nelle scuole e nelle case ritornando poi in teatro con il pubblico di domani

CARMEN

LA STELLA DEL CIRCO SIVIGLIA

Opéra-comique in quattro atti. Musica di Georges Bizet su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy dalla novella omonima di Prosper Mérimée

Prima rappresentazione Opéra Comique di Parigi, 3 marzo 1875

Regia Andrea Bernard

Scene Andrea Bernard, Alberto Beltrame

Costumi Elena Beccaro

Elaborazione cori dei ragazzi Giuseppe Califano

Cantanti Aslico

Orchestra 1813

Produzione Aslico

In coproduzione con Bregenz Festival
“Carmen è una storia di amore e libertà.

Le due tematiche non sono separate perché una condizione determina l’altra. Tutti i personaggi principali della vicenda sono innamorati di qualcuno. C’è un filo rosso che li lega, ma proprio l’amore sarà la causa dell’apparente tragico finale.

La prima cosa importante di cui tenere conto è la natura della protagonista. Carmen è una gitana, e in quanto tale appartiene agli spiriti liberi che non riescono a stare fermi in un posto per tutta la vita e hanno bisogno di essere liberi di muoversi e non avere punti fissi. La libertà quindi è uno stato al quale Carmen non può fuggire e per rimanere libera è disposta ad accettare la sua morte come predetto dalle carte. Carmen vuole essere libera di amare chi vuole, non ha un carattere romantico: è passionale e istintiva.

José invece non è libero, ha un carattere più conservativo. È colui che deve fare rispettare le regole e la legge e proprio per questo non riesce ad accettare che Carmen si possa allontanare da lui e ne pagherà le conseguenze.

Il tema della libertà mi ha spinto ad ambientare l’opera in un CIRCO e in particolare il Circo Siviglia per non perdere quel clima spagnolo che contraddistingue la vicenda e la musica.

Ecco allora che l’intera vicenda è letta come un grande show circense dove Carmen è la star. Il suo numero di ballo e magia è il più atteso. Trasformare Carmen da sigaraia a maga è un modo per rendere più chiaro a un pubblico giovane il fascino e il mistero che la circondano e far capire perché tutti si innamorano di lei.

Anche gli altri personaggi sono tutti legati al mondo del circo. L’unico esterno è José: è il “nuovo” che non conosce le dinamiche e la natura del popolo di circensi. Ecco perché non riesce a comprendere le scelte di Carmen, quando invece Escamillo, essendo anche lui uno spirito libero, pur essendo innamorato di Carmen, comprende le sue decisioni e la lascia libera.

José imparerà poi che bisogna accettare le cose che ci accadono, belle o brutte che siano, e non possiamo obbligare gli altri ad essere e fare quello che non sono e non si sentono.”

Andrea Bernard, Regista XXII Edizione Opera Domani

 

Durata: 70 minuti