Home / Edizioni Precedenti / EDIZIONE 2016 – TURANDOT PRINCIPESSA FALENA
EDIZIONE 2016 – TURANDOT PRINCIPESSA FALENA

L’edizione 2016 è dedicata ai capolavori di Puccini, e propone l’opera Turandot, principessa falena, nella riduzione musicale di Enrico Minaglia con la regia di Silvia Paoli. L’opera debutta per il pubblico di famiglie il 20 febbraio al Teatro Sociale di Como!

 

Opera domani compie 20 anni e debutta a Como: il format italiano di educazione all’opera lirica per il pubblico giovane delle scuole elementari e medie, che ha vinto premi e riconoscimenti nazionali ed internazionali, coinvolge oltre 130mila ragazzi ad edizione ed ha esportato la sua formula in Europa fino a raggiungere l’Oman. L’edizione 2016 è dedicata ai capolavori di Puccini, e propone l’opera Turandot, principessa falena, nella riduzione musicale di Enrico Minaglia con la regia di Silvia Paoli. 

L’opera, una produzione di AsLico, debutta per il pubblico di famiglie il prossimo 20 febbraio alle 16 e alle 20.30 al Teatro Sociale di Como. Prosegue con una tournée di 110 repliche in 26 città italiane con la possibilità oltre alle recite scolastiche di partecipare ad 11 appuntamenti Opera Family, aperti al pubblico. Novità di questa edizione è rappresentata anche dalla possibilità di partecipare come uditori al workshop intensivo di inizio progetto e di formazione all’opera di Puccini, che lo staff di docenti AsLiCo tiene al Teatro Sociale il 16, 17 e 18 ottobre.

L’innovazione è quindi rappresentata anche dalla modalità «partecipativa» che permette a bambini e ragazzi di vivere da protagonisti uno degli spettacoli più completi e affascinanti della nostra tradizione artistica. Con un percorso didattico proposto ad hoc e realizzato a scuola, i ragazzi arrivano a teatro con gli strumenti per poter interagire con la storia che hanno imparato a conoscere approfonditamente in classe, grazie ad attività come la costruzione di un oggetto di scena con cui svolgeranno piccole, ma importanti azioni durante lo spettacolo e lo studio di alcune arie che canteranno dal loro posto, diventando così un vero e proprio coro interno all’opera. L’esperienza di chi assiste a una replica di Opera domani è quella di uno spettacolo senza il pubblico, proprio perché il pubblico è nello spettacolo.